Storia disegnata degli sport

The Atlantic ha pubblicato un video sulla storia degli sport.

Il primo sport documentato è il tiro della lancia, che è nato nel 70000 a.C. dal bisogno dei cacciatori di allenarsi. Il bowling è il primo gioco conosciuto con una palla, apparso in Egitto nel 3200 a.C.; poi c’è stato il Pitz, praticato dagli  antichi Maya nel 2500 a.C., seguito dall’Episkyros, conosciuto come “palla comune” ai Greci che vivevano nell’ottavo secolo a.C. Leggi tutto “Storia disegnata degli sport”

Un’intervista del 1923: “Signor Hitler, mi può spiegare il programma del suo partito?”

Il Führer: «Purezza della razza, abolizione del regime democratico, distruzione dei socialisti e degli ebrei».

«Adolfo Hitler il “fascista”» è il titolo di un servizio speciale di Giulio De Benedetti pubblicato il 28 marzo 1923 sulla Gazzetta del Popolo, contenente un raro colloquio col Führer. La Stampa ne ripropone un ampio stralcio.

Il clan Spada e la bella gente che gira intorno a Casapound

La Rivoluzione d’ottobre a novembre

La Rivoluzione d’ottobre è avvenuta tra il 6 e il 7 novembre 2017 e quest’anno si celebrano i 100 anni.

Perché si chiama “d’ottobre” se è successa a novembre? Leggi tutto “La Rivoluzione d’ottobre a novembre”

Stupri, “doppiopesismo dei media: razzisti a Rimini, garantisti a Firenze. Serve a rafforzare l’idea del mondo che già c’è”

Marco Bruno, sociologo della comunicazione dell’università La Sapienza di Roma, analizza il modo in cui i media hanno raccontato i due fatti di cronaca in relazione agli autori dei reati: “Nel caso della riviera romagnola era chiaramente funzionale a rappresentare un’immagine della realtà che faceva comodo a una certa parte politica. Rispetto alla vicenda che coinvolge due carabinieri, invece, società e giornalismo riconoscono l’autore del reato come qualcuno che sta dalla nostra parte, il che fa attivare un processo di minimizzazione”

Leggi l’articolo completo su Il Fatto Quotidiano

Porno, calcio e scommesse online: lo scandalo dei telefonini di Stato

Dai cellulari in dotazione alle amministrazioni pubbliche sono partite migliaia di chiamate verso numeri ben poco istituzionali. Con un danno di quasi 8 milioni di euro. Lo studio sul traffico di oltre 400 mila sim card Coppola (Pd): “Molte potrebbero essere truffe”. Donazioni via sms a carico del contribuente, biglietti per eventi e abbonamenti a oroscopi.

Leggi l’articolo completo su Repubblica