Tra Mancini e Sarri chi ha ragione? Nessuno dei due

Dopo la partita di Coppa Italia di ieri sera Roberto Mancini ha dato del razzista a Maurizio Sarri perché durante una lite l’allenatore del Napoli ha dato del “frocio” a quello dell’Inter.

Sicuramente la frase di Sarri è da punire e l’allenatore merita una squalifica. In un paese normale si parlerebbe anche di dimissioni, ma in Italia sono una vera rarità.

Roberto Mancini non è certo un angioletto. Dopo una partita di Champions League tra Lazio e Arsenal Patrick Vieira e Siniša Mihajlović si erano accusati a vicenda di insulti razzisti. Mancini aveva difeso così il suo giocatore: «Sinisa e Vieira sono due ragazzi intelligenti, credo che possano superare le tensioni e finirla. Nel corso di una partita l’agonismo esasperato può portare a momenti di tensione e di grande nervosismo. Credo che anche qualche insulto ci possa stare. L’importante è che tutto finisca lì».

Sempre Roberto Mancini dopo la squalifica della curva dell’Inter nel 2007 per aver esposto uno striscione con la scritta “Napoli fogna d’Italia” aveva detto: «Era solo uno sfottò, come ce ne sono ogni domenica su tutti i campi. Non è stato bello leggere certe scritte, ma non si è trattato di una cosa così grave».

Il problema è che ogni volta si è comprensibili per i propri errori, ma, se lo sbaglio lo fa un’altra persona (o un avversario in questo caso), la punizione deve essere esemplare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.